Autore Topic: Stop in telegrafia  (Letto 825 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline aquiladellanotte

  • 1RGK458
  • RGK dx Group
  • *******
  • Post: 3848
  • Applausi 140
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Stop in telegrafia
« il: 03 Ottobre 2021, 18:54:16 »
Salve, mi sono sempre chiesto a cosa corrispondesse lo "stop" dei telegrammi... O meglio, a quale segno della telegrafia. Forse "ar"?

inviato Redmi Note 8 Pro using rogerKapp mobile

aquila della notte 1adn089
IZ0PQE


Offline CB_forever

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 75
  • Applausi 19
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Stop in telegrafia
« Risposta #1 il: 03 Ottobre 2021, 22:58:18 »
Salve, mi sono sempre chiesto a cosa corrispondesse lo "stop" dei telegrammi... O meglio, a quale segno della telegrafia. Forse "ar"?

inviato Redmi Note 8 Pro using rogerKapp mobile

Il telegrafo era una trasmissione instradata manualmente e, a differenza di Ethernet con i suoi ripetitori automatici, esso aveva ripetitori manuali che ricevevano un messaggio su un cavo e lo ritrasmettevano su un altro.

In tutte queste ritrasmissioni, c'era un pericolo molto reale che i singoli segni di punteggiatura potessero essere persi, confondendo così il messaggio. Introducendo parole distinte come STOP, COMMA, SEMICOLON per i segni di punteggiatura, è stato introdotto un grado di ridondanza (essenzialmente il controllo degli errori) che ha reso tali errori molto meno probabili.

Come infatti ben noto, l'uso della punteggiatura è fondamentale per dare senso e separare efficacemente le frasi di un testo. L'assenza di punteggiatura non solo può rendere incomprensibile il filo logico dell'esposizione ma, occasionalmente, può stravolgere il significato del contenuto.

L'uso di questa parola nelle comunicazioni telegrafiche è stato notevolmente aumentato durante la guerra mondiale, quando il governo l'ha ampiamente utilizzata come precauzione contro i messaggi incomprensibili o fraintesi, a causa della posizione errata o dell'emissione del minuscolo punto "." o periodo.

I funzionari ritenevano che gli ordini vitali del governo dovessero essere definiti e chiari, e quindi usarono non solo la parola "stop", per indicare un periodo, ma adottarono anche il pratica di pronunciare "virgola", "due punti" e "punto e virgola". La parola "query" veniva spesso utilizzata per indicare un punto interrogativo. Di tutti questi, tuttavia, "stop" è diventato l'uso più diffuso,

Il simbolo "AR" (• — • — • con suono: ti-ta-ti-ta-ti) nel codice internazionale significa "Stop" (fine del messaggio), spesso viene scritto come "+" (che appunto è: . — . — .)

Offline aquiladellanotte

  • 1RGK458
  • RGK dx Group
  • *******
  • Post: 3848
  • Applausi 140
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:Stop in telegrafia
« Risposta #2 il: 04 Ottobre 2021, 00:20:49 »
Grazie mille. Veniva quindi usato proprio "stop". Non sapevo del l'instradamento manuale!
Da approfondire

inviato Redmi Note 8 Pro using rogerKapp mobile

aquila della notte 1adn089
IZ0PQE

Offline CB_forever

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 75
  • Applausi 19
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Stop in telegrafia
« Risposta #3 il: 04 Ottobre 2021, 15:03:24 »
Grazie mille. Veniva quindi usato proprio "stop". Non sapevo del l'instradamento manuale!
Da approfondire


Dimenticavo: c'era anche una ragione economica. I telegrammi raggiunsero la loro massima popolarità negli anni '20 e '30, quando era più economico inviare un telegramma che fare una telefonata a lunga distanza. La gente risparmiava denaro usando la parola "STOP" invece dei punti per terminare le frasi, perché la punteggiatura era extra mentre la parola di quattro caratteri era gratis  [emoji12]

Un salto di qualità fu la successiva introduzione del relè era che permetteva trasmissioni telegrafiche su lunghe distanze che altrimenti avrebbero richiesto operatori in stazioni intermedie periodiche per leggere e ritrasmettere il messaggio. Fonte in inglese (se vuoi approfondire):
https://en.wikipedia.org/wiki/Electrical_telegraphy_in_the_United_Kingdom#Early_development

In merito all'instradamento manuale, ad esempio un collegamento transatlantico tra Evanston (città dello stato dell'Illinois, a nord di Chicago) e Verdun (città della Francia), la tratta era così suddivisa:

  • Da Evanston a Chicago
  • Da Chicago a New York
  • Da New York a Belfast
  • Da Belfast a Londra
  • Da Londra a Parigi
  • Da Parigi a Reims
  • Da Reims a Verdun

Fonte

In tutte queste ritrasmissioni, c'era un pericolo molto reale che i singoli segni di punteggiatura potessero essere persi, confondendo così il messaggio. Introducendo parole distinte come STOP, COMMA, SEMICOLON per i segni di punteggiatura, è stato introdotto un grado di ridondanza - essenzialmente il controllo degli errori - che ha reso tali errori molto meno probabili.