Autore Topic: Lafayette Portland muto...  (Letto 4776 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline theLordByron

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 37
  • Applausi 0
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
  • Nominativo: IV3XZG - 1AT704
Re: Lafayette Portland muto...
« Risposta #25 il: 25 Gennaio 2009, 23:07:22 »
Grazie per il vostro aiuto!
domani preparo il cavo per tastarlo con il mio lettore!
Ho notato che il TDA audio scalda però davvero tanto è normale?
una domanda che mi vergogno un po a fare  :-[...io stacco il transistor e lo provo con il tester ma per sapere che funziona..cosa devo leggere? scusate la mia totale imperizia.. :-[ :-[ :-[ :-[ :-[

Grazie di nuovo!
73 Giuliano


Lino

  • Visitatore
Re: Lafayette Portland muto...
« Risposta #26 il: 26 Gennaio 2009, 13:47:57 »
Grazie per il vostro aiuto!
domani preparo il cavo per tastarlo con il mio lettore!
Ho notato che il TDA audio scalda però davvero tanto è normale?
una domanda che mi vergogno un po a fare  :-[...io stacco il transistor e lo provo con il tester ma per sapere che funziona..cosa devo leggere? scusate la mia totale imperizia.. :-[ :-[ :-[ :-[ :-[

Grazie di nuovo!
73 Giuliano

Ciao Giuliano.

Non ti ho risposto subito perchè non sono sicuro di essere capace di spiegartelo, ma ci provo.

Io per controllare le giunzioni di un transistor utilizzo la funzione provadiodi ormai presente in tutti gli attuali tester digitali.

Prima di tutto individuo la piedinatura del transistor; in questo caso si tratta di un transistor pnp, ponendolo con il lato piatto rivolto verso il basso e i reofori verso di me abbiamo in sequenza, da sinistra verso destra, base-collettore-emettitore-

Ai fini di questo controllo statito possiamo assimilare il transistor pnp a due diodi aventi il catodo collegato in comune sulla base e gli anodi collegati rispettivamente sul collettore e l'altro sull'emettitore.

Collegando il puntale nero del tester sulla base, il puntale rosso prima sul collettore e poi sull'emettitore controlliamo la conducibilità diretta delle due giunzioni base-collettore e base-emettitore.

Nel caso del mio tester, a puntali scollegati rilevo una lettuta di circa 2,6V; quando effettuo la misurazione di una giunzione diretta la lettura scende a circa 0,5-0,7V.
Se nella misurazione riscontro un valore vicino allo 0 oppure una tensione molto più elevata è molto probabile che il transistor sia in avaria è va sostituito.

Nel caso il transistor sia un npn i due diodi fittizi sono collegati con gli anodi in comune sulla base e i rispettivi catodi sul colletore e sull'emettitore; per effettuare il controllo delle condicibilità diretta collego il puntale rosso sulla base, il nero sul collettore e sull'emettitore e il resto della procedura è uguale a prima.

Nel controllo di un normale trasnsistor bipolare la conducibilità inversa base-collettore e base-emettitore, e la conducibilità fra collettore ed emettitore deve essere praticamente 0.

Nel caso del mio tester, che parte da una lettura di circa 2,6V, quando collego i puntali in modo da controllare la conducibilità inversa la lettura deve rimanere invariata. Nel caso il valore scendesse, anche di poco, la giunzione è in perdita e il transistor va sostituito.

Nel caso di un transistor utilizzato in bf, come in questo caso, il controllo a freddo, che abbiamo preso in considerazione, è utile per stabilirne l'efficienza. Il discorso cambia totalmente quando si tratta di transistor che si utilizzano in rf.

Scusate la lunghezza, gli errori e le omissioni, ho cercato di fare del mio meglio.

Saluti, Lino 

Offline theLordByron

  • Radio Operatore
  • *******
  • Post: 37
  • Applausi 0
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
  • Nominativo: IV3XZG - 1AT704
Re: Lafayette Portland muto...
« Risposta #27 il: 26 Gennaio 2009, 14:31:46 »
Lino non so come ringraziarti...
stasera lo tolgo e lo provo!


ciao Giuliano