banda radioamatoriale (patentati) > associazioni ed enti

E se costituissimo una Federazione???

<< < (5/13) > >>

Taddeo:
Non ho trovato un numero ufficioso, quindi trovando la Relazione Morale 2011 del presidente Cisar ( http://www.cisar.it/index.php?option=com_content&task=view&id=1006&Itemid=1 ) leggo:

--- Citazione ---QUOTA SOCIALEAnche quest'anno il CDN propone la quota sociale come il precedente, cioè di euro 20,00, di cui  euro10,00 alle sezioni ed euro 10,00 alla segreteria nazionale, ma con una variante:quella cioè di esonerare dal pagamento della suddetta, fermo restando la titolarità di socio, di coloro che hanno da  settanta anni di età in poi. Questa proposta, nata dal Segretario Giorgio, verrà sottoposta al voto sell'assemblea.
--- Termina citazione ---
e ancora:

--- Citazione ---BILANCIO  PREVENTIVOLa segreteria ha presentato il bilancio consuntivo al 22/09/2011 di Euro 274,75, derivante dalla differenza tra ingresso quote dei soci in regola con i pagamenti, di Euro 8675,00 e le spese di circa euro 8400,25

--- Termina citazione ---

ne deduco quindi che se in bilancio ci sono 8675€ derivanti dalle quote, ed ogni socio versa 20€ di cui 10€ vanno alla sezione e 10€ alla segreteria nazionale, i soci dovrebbero essere 8675/10= 867.5  8O c'è un mezzo socio??
A questi 868 aggiungiamo i soci ultra settantenni che verrebbero esonerati dalla quota, ipotizzando siano 200.

Ricapitolando:
ARI: ~13500 (prendo il dato da un post in un altro forum)
CISAR: ~1068
ERA: ~850
....:
....:

non voglio essere disfattista, ma numeri alla mano, mi sembra che le cifre siano ben lontane da quelle necessarie per ottenere una "Maggioranza" di radioamatori a livello italiano

IT9LND:
Ciao Taddeo,
sinceramente i numeri del CISAR non li conosco e quindi nn so cosa rispondere: se vuoi esaudire la tua curiosità chiedi  ai nostri amici di quella Organizzazione...
Ad ogni buon conto faremo di tutto, in barba al tuo"non vorrei essere disfattista HIHIHI"  - col tempo dovuto - per raggiungere i numeri .
Però non vorrei essere frainteso e cioè ribadisco ancora una volta che tra le Associazioni a cui rivolgo l'invito alla adesione alla Federazione c'è anche l'ARI, ergo 1.000 CISAR   13.500 ARI   850 E.R.A.    3.000 altre associazioni   tot. i numeri ci sono!!!
Posso chiederti 1 favore , caro Taddeo??? aiutaci anche tu a raggiungere questo obiettivo!!!
73 de it9lnd Marcello Vella Presidente E.R.A.

Taddeo:
ma se tutte le associazioni facessero questa federazione per ottenere li stessi diritti, di certo l'ari non sentirebbe la necessità di affiliarsi, godendo già della possibilità di gestire il bureau.
Il mio intervento era mirato a spiegare che se iaru ha dato all'ari da gestire il Bureau Italia, essendo l'ari l'associazione di maggioranza nel nostro paese, mai comunque (con i numeri attuali) una federazione delle rimanenti associazioni nazionali, potranno contare su un numero superiore di soci rispetto a quello dell'ari, ed ottenere da iaru la gestione del bureau.
Quindi ora come ora per ottenere il servizio bureau dall'ari, le altre associazioni dovranno attendere che l'ari modifichi il suo statuto, scindendo l'area associativa da quella commerciale, dopodichè potrà offrire dietro compenso ai singoli privati o alle altre associazioni, parte dei suoi servizi commerciali.
Faccio perno sul servizio qsl, perchè credo che sia ancora la prima ragione per cui l'ari vanti così tanti soci. Se tale servizio fosse disponibile come lo è adesso, anche alle altre associazioni, sicuramente l'ari vedrebbe crollare il suo numero di tessere.
Vorrei potervi aiutare, ma aimè io non sono neppure radioamatore  ;-)

LPDboy:
Si ma secondo me una Federazione dove le Associazioni principali trovino dei punti comuni potrebbe essere utile e non poi così costosa (basterebbe una struttura minima). Come stanno ora le cose, e lo dico da not member, sembra che gli radioamatore dell'associazione A abbiano interessi diversi dall'associazione B, come si fosse in politica, e sono certo che in realtà non sia così.
Questo è il mio punto di vista.

73

Taddeo:

--- Citazione da: IT9LND - 28 Settembre 2011, 10:16:39 ---Potrei  apparire presuntuoso ma, tra le Associazioni potenzialmente aderenti a questo progetto, desidero invitare formalmente anche l'ARI...; quindi affermo solertemente che le porte sono aperte a tutte le Associazioni radiantistiche che, senza egoismi di parte, vogliono il sano e costruttivo confronto e che vogliono il maggior bene per gli radioamatore italiani.
73 de it9lnd Marcello Vella Presidente E.R.A.


--- Termina citazione ---

comunque è strana questa affermazione, perchè nel tuo comunicato stampa che riporto in parte, ma che è consultabile integralmente qui: http://www.ari.cosenza.it/09/comunicato-stampa-presidente-era/
mi pare che l'intenzione fosse completamente differente...


--- Citazione ---Non incito alla guerra santa di tutti contro tutto, però faccio un pensiero a voce alta e dico:  se è vero come è vero che in Italia vi sono circa 50.000 radioamatori e se è vero come è vero che la ARI conta circa 13.500 soci, cosa accadrebbe se tutte le Associazioni radiantistiche non ARI si coalizzassero in una unica federazione e ad essa si affilierebbero  i rimanenti 36.500 soci.
Risultato: questa FEDERAZIONE di Associazioni avrebbe numericamente più soci ed allora la IARU non riconoscerebbe più la ARI come associazione a lei affiliata.
Da un giorno all’altro le cose potrebbero cambiare…
--- Termina citazione ---

insomma, magari a conti fatti la cosa è un pò improbabile, non credi?


--- Citazione da: LPDboy - 28 Settembre 2011, 14:55:45 ---Si ma secondo me una Federazione dove le Associazioni principali trovino dei punti comuni potrebbe essere utile e non poi così costosa (basterebbe una struttura minima). Come stanno ora le cose, e lo dico da not member, sembra che gli radioamatore dell'associazione A abbiano interessi diversi dall'associazione B, come si fosse in politica, e sono certo che in realtà non sia così.
Questo è il mio punto di vista.

73

--- Termina citazione ---

no non credo, o almeno è così in parte...
Parlo solo per cisar, perchè conosco molti loro soci, e credo che chi abbia scelto di associarsi a loro, sia perchè il cisar è veramente una fucina di idee e sperimentazioni, basta pensare al link nazionale, la cisar net, lo sviluppo di una scheda dstar autoprodotta... mentre chi si è associato all'ari magari va un pò più in direzione di dx e contest.
Poi certo in cisar come in altre associazioni sono affluiti altri soci che hanno divorziato dal sodalizio ari, e magari per risentimenti vari ora con la questione qsl bureau, hanno occasione di prendersi qualche rivincita verso il direttivo ari... e credo che ci stia anche questo.
Tuttavia sono sicuro che alla maggioranza dei soci di tutte le associazioni, poco importi che si scannino a livello nazionale, la cosa che realmente interessa loro, è di portare avanti le idee per le quali si sono associati ad una determinata associazione.
Se l'ari sarà tenuta a fornire il servizio bureau, è bene che lo faccia e il più presto possibile... le varie class action, federazioni, associazioni, accorpazioni, saranno solo inutili e dispendiose perdite di tempo e denaro, che porteranno solo all'esasperazione della maggioranza.

Taddeo

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

[*] Pagina precedente

Vai alla versione completa