banda radioamatoriale (patentati) > attività radioamatoriale

Ripresa attività dopo 5 anni di assenza dall’Italia

<< < (3/3)

iz0eyj:
Io ho ripreso l'attività da circa sei mesi dopo qualcosa tipo cinque anni di assenza totale, e ne ho approfittato per cambiare un po' tutto.
La base della mia radio continua ad essere il "solito" JRC JST-245, ma in questa nuova configurazione viene impiegato quasi sempre come semplice trasmettitore.
La parte della ricezione ora è di gran lunga più flessibile ed adattabile alle diverse condizioni operative. Posso scegliere fra l'ascolto totalmente analogico della parte ricevente dello stesso 245, comunque corredato dell'intero set di filtri, e due ibridi, che sono il suo ricevitore 545 (tripla conversione con filtraggio e demodulazione DSP) e la parte ricevente dell'ultimo arrivato Xiegu G90 (conversione diretta con filtraggio e demodulazione DSP).
Nelle normali condizioni operative uso proprio quest'ultima configurazione perché il G90 ha una ricezione rilassante quasi quanto quella analogica ma con aggiunti i vantaggi di una banda passante selezionabile a piacere.
In aggiunta adesso in cima al palazzo c'è un ricevitore SDR FlyDog che fornisce la copertura dalle VLF ai 30 MHz (arriverebbe a 62 MHz ma ho inserito un passa basso molto netto per tagliare completamente le broadcasting sulla FM).

Anche l'antenna è stata completamente rivista ed al posto del precedente bestione da 18 metri, più alto del palazzo su cui era montato, adesso uso un nuovo progetto chiamato 922-3D in grado di coprire tutte le nostre gamme HF con in più i 6 metri pur essendo decisamente più contenuto nelle dimensioni.

Insomma a mio avviso riprendere dopo lungo tempo deve essere anche occasione per cambiare qualcosa.

Navigazione

[0] Indice dei post

[*] Pagina precedente

Vai alla versione completa