Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - YF23 blackwidow

Pagine: [1] 2 ... 6
1
antenne per CB / Re:UNBOXING ANTENNA SMARTECH JPOLE 27 Mhz
« il: 04 Settembre 2021, 19:52:26 »
La j pole mi ha sempre affascinato ma non ho mai avuto occazione di provarla, aspetto il tuo prossimo video test. Complimenti.

2
Kenwood / Re:Recensione Kenwood TS890 S
« il: 12 Agosto 2021, 18:56:13 »
Grazie per la recensione è la mia radio hf preferita ma al momento mi posso godere solo il mio qrp icom 705, che mi sta dando parecchie soddisfazzioni anche se molto diversa dal kenwood in questione. In futuro magari cederò alla tentazione... [emoji33]

3
DX su banda cittadina / Re:Radio Professionale vs Crt SS9900 V4
« il: 11 Giugno 2021, 19:16:45 »
Apperò 700 Watt in cb!  [emoji61] [emoji1]
Sarebbe sulla carta una bella accoppiata, anche se più costosa.

4
DX su banda cittadina / Re:Radio Professionale vs Crt SS9900 V4
« il: 11 Giugno 2021, 19:05:03 »
Dovrebbe accontentarsi di 5-10W qrp + ampli alla bisogna. So' scelte..

5
DX su banda cittadina / Re:Radio Professionale vs Crt SS9900 V4
« il: 11 Giugno 2021, 18:58:23 »
Ognuno con i suoi soldi ci fa quel che vuole, lasciamolo decidere a lui se sia è meno sprecato.

6
DX su banda cittadina / Re:Radio Professionale vs Crt SS9900 V4
« il: 11 Giugno 2021, 18:19:58 »
Sul mio icom 705 mod (del tutto simile a 7300) si parla in cb e si vede la banda nel band scope, fino 1 MHZ di span.

7
RGK Dx Group / Re:Antenna per cb
« il: 10 Giugno 2021, 10:21:59 »
Non ho l'esperienza in CB di Ottone ne quella di KZ, ma differenze tra una antenna 5/8 e l'altra (da quanto ho sentito facendo swl per tanto tempo) è davvero minima, c'è gente che ne ha cambiate tre in un anno e di differenze ne sentivo molto poche. Poi voglio dire, ok la passione ok la sperimentazione ma se vivessi a Roma per essere disturbato h24 da Tavernello pure una canna da pesca sarebbe troppo (hi)

8
RGK Dx Group / Re:Antenna per cb
« il: 08 Giugno 2021, 21:22:41 »
Per la cronaca non si stava certo mettendo in discussione il principio democratico conosciuto come pricipio di libertà e penso nemmeno Kz lo abbia fatto quando ha esposto un consiglio pragmatico e di tipo prudenziale di fronte all'attuale complessità dei regolamenti etc.

Citazione
visto il carattere della legislazione in merito, e vista la legislazione vigente in precendenza, credo sia opportuno e prudente valutare che in ambito di frequenze e apparati di libero uso (ma anche in ambito radiantistico) è meglio regolarsi secondo il criterio "tutto quello che non è espressamente concesso è vietato".

9
RGK Dx Group / Re:Antenna per cb
« il: 08 Giugno 2021, 16:42:54 »
l'antenna direzionale in CB non è vietata esplicitamente nel codice delle comunicazioni vigente.
è stato IZ2UUF che ha trovato, tra le pieghe delle note al PNRF 2018, un divieto implicito all'uso delle direttive:
https://www.rogerk.net/forum/index.php?topic=77243.msg808000#msg808000
(molto ben nascosto, voglio vedere quale sia l'utente CB che abbia dimestichezza con tali termini e tali calcoli)

il divieto di attività da o verso l'estero in CB (DX) permane nel codice delle comunicazioni vigente

Citazione
"non sono ammesse antenne direttive"
era nell'art . 334 del D.PR. 156/1973


che buffo: siamo passati da un divieto esplicito scritto con chiarezza a una prescrizione, interpretabile chiaramente solo da esperti, nascosta nelle note del PNRF.

Citazione
Ciò significa che "potenza apparato" + "attenuazione linea" + "massimo guadagno antenna" non deve superare quei valori. Cioè, non si può compensare la bassa potenza con un'antenna ad alto guadagno: QRP estremo! Così giusto per curiosità.

Dal mio punto di vista messa così com'è adesso è chiaramente vietata, mentre prima potevi dibattere molto su cosa fosse o meno una "direttiva" e in che misura.

Concordo con te sull'intepretazione "conservativa" delle norme: se non è esplicitamente consentito è da considerarsi vietato. E non solo in campo radioamatoriale.

10
DX su banda cittadina / Re:Radio Professionale vs Crt SS9900 V4
« il: 07 Giugno 2021, 17:39:45 »
Ti porto la mia esperienza.

Sulla Toyota ibrida ho trovato un po' di miglioramenti passando dal President mcKinley all'Icom 705 (sdr qrp). Il rumore generato dagli inverter in fase di ricarica del pacco batterie è avvertibile su tutte le hf compresa la CB. Ho provato di tutto, dal cambio di cavo, alle ferriti al qrm eliminator... tutto. Solo passando a tecnologia sdr ho trovato un po' di miglioramento.

E' probabile che i disturbi li tiri dentro direttamente l'antenna e che i miglioramenti derivino dal semplice fatto che L'icom è alimentato a batteria e non prenda corrente da quella dell'auto. Insomma, non ho fatto uno studio approfondito se non quello empirico.

Il problema del qrm da inverter è in forte aumento da queste parti, vuoi per l'adozione di pannelli solari sui tetti con inverter non a norma, vuoi l'illuminazine pubblica passata ai led etc etc. Passando dal president all'icom ho migliorato anche i qso sulla cb da casa. Il 7300 ha una tecnologia simile al 705 ed esce con molti più watt e sull'usato si trova a 850 euro in garanzia.

Qui praticamente tutti i qso che ho sentito sulla CB sono fatti da radioamatori, fino a 2 mesi fa ero l'unico ad usare un baracchino.
Certo, c'è anche chi usa roba stratosferica tipo il kenwood 890 o lo yaesu 101 Mp.

Da quanto ne so Icom è l'unica delle tre marche (Icom, yaesu, kenwood) ad essere sdr completa. Le altre due sono ibridi eterodinea/sdr. Potrei sbagliarmi. Anche flexradio dovrebbe essere sdr al 100%.

Potresti scrivere un pvt ad Arnaldo Bollani che ha provato molte di queste radio e pubblicato molti articoli su radiokit, visto che partecipa attivamente al forum.

11
RGK Dx Group / Re:Antenna per cb
« il: 05 Giugno 2021, 22:27:15 »
Dipende dove abiti, in città se hai accesso al tetto mi vien da dire la gain master da 7 metri, copre anche i 26-28 Mhz ed è poco rumorosa.

12
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 02 Giugno 2021, 15:13:45 »
Aquila IU0OGA a me di far polemica con te non importa niente infatti ho sempre risposto anche quando stava diventando una polemica fine a se stessa. La tua domanda è parsa piuttosto pretestuosa perchè, visto che tutta la discussione  verteva esclusivamente sugli strumenti a disposizione dei radiamatori per tutelarsi in caso di qso con persone ritenute "non abilitate", uscirsene con: il sito tedesco offre le stesse cose di quello americano, semplicemente non è vero.

Come ampiamente detto il sito tedesco offre, avendo sede in germania, una tutela in più sia per chi si registra sia per chi si sente "diffamato". Di questo stiamo parlando, non di altro (compreso il login che non c'entra niente). Se ti pare poco amen... ma il topic era centrato anche su questo aspetto.

Esempio: domani a kz creano un profilo fake su qrzcq e su qrz. Verosimilmente, in quale dei due casi kz avrà vita più facile a farselo rimuovere?

Cmq ripeto a me di far bagarre proprio non importa niente.

Buona festa della Repubblica a tutti [emoji295] [emoji18]

13
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 02 Giugno 2021, 13:50:45 »
Ci siamo! Come dicevo se proprio dovessi scegliere una "fonte" userei qrzcq, tenendo bene a mente il punto 1.

Cmq a me di far polemica non interessa e onestamente non capisco tutta questa acredine e incaponimenti vari, ma ho il sospetto che siano strascichi di altri post a generare antipatie e che il "gdpr" sia solo un pretesto.

14
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 02 Giugno 2021, 13:26:12 »
Allora visto che non ti piacciono le polemiche devi spiegare perchè hai iniziato a farne tu con "è già stato detto che non vale qrz..." ripetendolo più e più volte.

Sul GDPR ti si è già ampiamente risposto. Le differenze sono notevoli nei diritti (per gli utenti) e nei doveri (per i gestori), in più ti è stato fornito un link e non uno qualsiasi ma il link ufficiale della comunità europea (a scanso di equivoci). TU hai affermato che il gdpr non serva a tutelare gli utenti e ti ho chiesto di motivarne le ragioni... sto ancora aspettando, ma ho la sensazione che la tua fosse solo polemica fine a se stessa.

Per quanto mi riguarda le chiacchere stanno a zero e le lascio fare a te.

Kz: qrzcq cita proprio il gdpr nelle sue privacy policy https://www.qrzcq.com/page/privacy

15
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 02 Giugno 2021, 12:39:25 »
Ma no Pieschy era la risposta a kz e mi son dimenticato il "quote". [emoji6] [emoji6]

Fine off-topic. [emoji1]

16
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 02 Giugno 2021, 12:23:22 »
Se uno mi chiede info sul GDPR gliele fornisco molto volentieri, mentre se uno afferma che non serva a nulla significa che conosce l'argomento e sarò io a chiedere spiegazioni. Non è una questione di lana caprina o di chi vuole aver ragione, cosa che tra l'altro non mi interessa affatto.

ps: lo so che quel link è in inglese, ma è anche quello tra i più aggiornati e tra i più sicuri su cui farsi un'idea generale.

17
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 02 Giugno 2021, 12:00:02 »
però IU0OGA ha ragione: se si tira in ballo un argomento, soprattutto se estremamente specialistico ed esterno al radiantismo, una piccola introduzione o spiegazione sarebbe necessaria.
cosa è il GDPR?
è la norma UE che regola e armonizza il trattamento dei dati nei paesi UE.
a noi italiani ci fa un baffo, anzi per molti versi è una riduzione di tutele rispetto alla nostra eccellente normativa sul trattamento e sulla riservatezza dei dati personali, un po' come accade ed è accaduto nel campo delle tutele alimentari; il grande vantaggio è che ora abbiamo una norma comune in tutta la UE e che, visto che è una norma che ha un'attuazione molto concreta (contrariamente alla gran parte delle norme italiane, eccellenti da un punto di vista teorico ma carentissime dal punto di vista attuativo) ha imposto una specifica organizzazione, soprattutto burocratica, a tutti gli enti che gestiscono dati personali.
se mi si passa il paragone, indebito, è una sorta di 231/2001 (norma sulla responsabilità legale delle imprese) dei dati personali.
invece negli USA non esiste alcuna norma organica sulla protezione dei dati personali trattati, ergo se fornite i vostri dati personali a un gestore  che risponde alle leggi USA (che sono un terrificante casino pure per loro figuratevi per noi) non avete alcuna tutela.
può andar bene se il gestore è onesto, può andar male se decide di vendere i vostri dati a questo o quello (io uso come esempio sempre il caso Cambridge Analytica).

L'affermazione l'ha fatta lui: "Il famigerato GDPR non obbliga il sito a chiederti la AG quindi nel nostro caso che soddisfi i requisiti della privacy europea o meno non cambia nulla. "

Che ci spiegasse perchè a fronte di quanto detto sul gdpr (dove era tra l'altro già stato detto che interviene per normare chi gestisce i dati) l'utente avrebbe le stesse tutele in entrambe i casi (inesatto). E il riferimento è proprio alla richiesta di modifica/cancellazione dei propri dati o nel malaugurato caso di vertenza legale. Figurati se litigo su argomenti che vedo quasi ogni santo giorno, ma se uno afferma facendo polemica poi deve spiegare e non chiedere spiegazioni.

Nel nostro caso si parlava specificatamente di un utente che di colpo si trova un profilo creato da qualcuno e che si potrebbe sentire diffamato e su come potrebbe difendersi. Se il server fosse in europa gli strumenti li avrebbe di sicuro. Altrove diventa più complesso. Tutto qui.

18
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 02 Giugno 2021, 11:56:33 »
Off topic: Noi disqus l'abbiamo rimosso da quasi tutti i nostri blog, rallentava di un buon 25% i test di velocità delle pagine. Anche perchè se l'utente accetta l'EU law sui cookies e il trattamento dei dati basta anche la piattaforma di commenti di wordpress, a meno che non sia un sito con centinaia di commenti sotto ogni post e che necessiti di una moderazione attiva.

Ma son scelte che vanno fatte caso su caso ovviamente ;)

19
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 02 Giugno 2021, 00:04:28 »
Tu nemmeno a quelle, ciao e buona serata anche a te [emoji6]

20
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 02 Giugno 2021, 00:02:43 »
No mi dispiace, l'hai scritto tu che il gdpr non c'entra nulla con l'argomento della discussione. Spiegaci perchè, dai avanti...

Ti ho messo anche il link ufficiale della comunità europea, se vuoi favorirci il capitolo/paragrafo dove asserisce quanto da te detto bene... altrimenti hai datto una inesattezza.

21
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 01 Giugno 2021, 23:58:31 »
Studia... E' tutto scritto lì.

22
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 01 Giugno 2021, 23:57:05 »
Bravo! Ancora ancora!  [emoji108] 

Incomincia da qui a studiare https://gdpr-info.eu/ poi quando hai compreso di cosa stiamo parlando ne discutiamo con calma.

23
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 01 Giugno 2021, 23:52:42 »

Comunque vorrei precisare che qrz.com non ha valore legale.
Bravo! [emoji106] [emoji108]

Citazione
Ecco spiegaci tu cosa cosa cambia con la tutela della privacy e la protezione dei dati e in che modo impatta su un login di un radioamatore qualunque.

Comincia da qui, poi tra due/tre mesi quando hai finito ne riparliamo https://gdpr-info.eu/

24
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 01 Giugno 2021, 23:43:18 »

Hai presente: "piuttosto che niente è meglio piuttosto"?
Ecco, va bene il GDPR ma non mitizziamolo: è una foglia di fico, piccolina, migliore del tatuaggio a cerchi concentrici che viene fornito dalle norme USA, ma sempre foglia di fico.

Per assurdo, visto che non c'è modo  di accertare la legittimità dei nominativi italiani, un operatore che volesse rimanere nella più algida legalità non dovrebbe fare QSO con altri operatori.

In altre parole purtroppo sembra proprio che alle "autorità preposte" non interessi granché delle modalità di svolgimento del servizio di radioamatore.

Esatto, dal lato utente il gdpr non può fare niente e non è nato con quello scopo. Ma qui c'è gente che manco l'ha letto mezza volta e pontifica. I problemi sono tutti a carico dei proprietari del servizio/sito che gestisce i dati personali. Nel solo mese di maggio ho seguito 4 aziende che hanno avuto a che fare con problematiche relative al loro DPO e ti posso assicurare che se non si fanno le cose come dio comanda i rischi di pagare grosse cifre ci sono, soprattutto per piccole realtà tipo SNC etc etc.

Hai ragione anche su un altro aspetto, di fatto il regolamento radiocomunicazione che recepisce le normative ITU non specifica quali strumenti abbia a disposizione il radiamatore per conoscere la validità della patente e A.G dell'interlocutore. Dice solamente che non si possono fare qso con chi è sprovvisto di Patente valida e A.G.

Forse l'unico modo è quello da te proposto: che il M.I.S.E renda disponibile una lista di nominativi validi ma c'è sempre la famigerata norma e la vedo davvero molto dura.

25
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 01 Giugno 2021, 23:33:23 »
Citazione
Il famigerato GDPR non obbliga il sito a chiederti la AG quindi nel nostro caso che soddisfi i requisiti della privacy europea o meno non cambia nulla. Il sito offre quasi lo stesso servizio del più noto.

Da quello che scrivi non hai minimamente compreso cosa implichi per un sito europeo l'entrata in vigore del GDPR.

Grazie, è bello dare un servizio dicendo che qrz.com non ha valore legale.
Bravo. [emoji106]

26
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 01 Giugno 2021, 17:29:25 »
Ti arrivano gli sceriffi a casa! Con il distintivo di latta e la pistola ad acqua.[emoji23]

Ci vuole buonsenso, poi che molti non lo abbiano è un dato di fatto sentendo quanti sceriffi, portantari e scoreggioni/ruttomani frequentano l'etere. Per questo motivo sono contro l'esposizione dei dati privati e personali su quei siti, non sai mai chi li possa leggere e cosa possa farne.

Di contro durante i QSO dico il mio nome di battesimo anche se non è obbligatorio, giusto per stabilire un rapporto più amichevole.

ps: qrzcq non è un clone di qrz ma un sito europeo (tedesco) con server in Germania, quindi deve sottostare al GDPR.

nb: ma ste email dal mise le ha viste qualcuno?   [emoji48]

27
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 01 Giugno 2021, 17:01:49 »
Non è mai e in nessun caso consentito intrattenere QSO con soggetti di cui è chiara la posizione legale senza requisiti, o infine se, si ha il ragionevole dubbio che sia una stazione illegale.

Poi che sia educato, a modo, super tecnico o di alto rango, non acquisisce nessun valore…

Si incorre sempre in potenziali contestazioni.

Il problema è proprio l'impossibilità di verificare i requisiti dei soggetti con cui intrattieni qso. Se si hanno dubbi meglio abbandonare il qso evitando insulti, portanti etc etc.

Che poi era quello di cui si discuteva all'inizio.

28
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 01 Giugno 2021, 14:23:54 »
Capisco che sia una rottura scrivere al mise ogni volta, anzi davvero impossibile ma ricordo che qrz e qrzcq non valgono un fico secco ne a livello legale ne per capire se un radioamatore esista o meno. Anzi, io se fossi in voi farei attenzione, visti i controlli "a campione" direi che esiste il rischio di iscritti inesistenti o vittime di "vendette" tra radioamatori.

Ripeto l'esempio: pensate a quel radioamatore iracheno che si trova sbattutto su qrz come pirata, con tanto di foto e tutto... ma se fosse "innocente"? Cosa può fare dall'Iraq? Chiedere un risarcimento in america? Chiedere a qrz di rimuovere il profilo? Non fatemi ridere...

Ecco, se al posto dell'iracheno ci fosse uno di voi, vittima magari di scherzi o ritorsioni da parte di altri radioham vorrei proprio vedere le vostre facce.

Questi siti, soprattutto con server Extra UE che non rispettano il gdpr, in caso di problemi non vi tutelano, mettetevelo in testa.

29
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 26 Maggio 2021, 21:50:43 »
Grazie Asinello  [emoji1]

X Simo: ha ragione kz, fregatene.

Il mondo radioham sta agonizzando e quelli rimasti anzichè essere inclusivi si chiudono a riccio e fanno gruppi spesso antipatici che tendono a farti pesare la loro "anzianità". E' la strada maestra verso la fine. Lo è per qualsiasi settore che non vuole mettersi al passo con i tempi, vuoi per l'età media dei partecipanti vuoi per la comodità di trovarsi a regnare su castelli vuoti. Aggiungici gli "sceriffi" improvvisati, la voglia di primeggiare con strumentazioni inutili e costose, i contest che oramai sono automatizzati e tutto il resto: sembra una cb on steroids.

Ogni tanto "chiacchero" sulle V e le U quando sento qualcosa di interessante o qualcuno che chiede un report di controllo. Per il 99% faccio SWL tipo cartine meteofax, rtty, immagini etc etc.

30
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 25 Maggio 2021, 00:12:47 »
Eh si Dattero lo so, ma alcune brutte abitudini sono dure a morire. Noi radioamatori abbiamo l'obbligo di annunciare solo e soltanto il nominativo, almeno ogni 10 minuti, niente qth, niente nome e cognome o altro. Questo dice il regolamento delle comunicazioni elettroniche.

Se un radioamatore vuole verificare non gli resta che scrivere al M.I.S.E. Ogni registro privato presente su internet non conta nulla ma risulta comodo per ricevere cartoline QSL (cosa che a me non interessa).

31
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 24 Maggio 2021, 23:48:11 »
Siluc grazie a dio non esiste niente di tutto questo consultabile liberamente dai Radioamatori, con quella tonnellata di dati personali a disposizione basterebbe un singolo individuo maleintenzionato a far disastri inenarrabili. E per chi è del mestiere della sicurezza informatica non c'è incubo peggiore di una fuga di dati di tale rilievo, che valgono oro per gli "hacker/cracker". Alcuni registri online richiedono addirittura la fotocopia della carta di indentità che poi viene salvata sui server extra UE

Se ad accedere a quei dati fossero invece solo le forze dell'ordine (che in parte già possono farlo) o personale qualificato al soccorso è già un altro paio di maniche e mi sentirei più tutelato; mi è parso di capire che  quest'ultima opzione sia quella scelta da RRM.

32
LPD - PMR - SRD / Re:RETE RADIO MONTANA
« il: 22 Maggio 2021, 12:12:08 »
Siluc continui ad andare sul personale offendendo, cosa vuoi che ti dica? Pazienza, peccato.
La mia domanda non è ne retorica ne offensiva nei confronti del vostro operato. Tu invece è la terza volta che ci vai giù pesante.

Io reputo RRM una iniziativa nata con i migliori intenti, portata avanti con impegno e dedizione. Ho quindi avanzato delle domande e visto che c'è un legale nel vostro gruppo avrei gradito una risposta nel merito. Ripeto, io non voglio far polemica ed ho chiesto spiegazioni visto che potete contare su diverse figure professionali nel vostro gruppo.

Per essere più chiaro io voglio che mi si dica, da persona che frequenta la montagna, se in caso di incidente (di qualsiasi natura) si possa imputare qualcosa e che cosa all'utilizzatore del canale 8 (con subtono) che ne stia facendo un uso in linea con la normativa vigente. In caso di risposta affermativa vorrei (se possibile) poter leggere una sentenza passata in giudicato.

Sono semplici domande "legali" e di comportamento da tenere in montagna, non vedo motivi di scaldarsi ne di buttarla sul personale e sinceramente non capisco per quale motivo tu l'abbia fatto.

Detto questo caro Siluc ti saluto e ti auguro buon pranzo.
Ciao.  [emoji6]

33
LPD - PMR - SRD / Re:RETE RADIO MONTANA
« il: 21 Maggio 2021, 19:58:59 »
Vedi, il tuo modo di discutere va sempre sul personale e non mi abbasso a questo livello perché vinceresti a mani basse.

Sei veloce ma poco efficace nel giudicare il prossimo.

Noto che per due volte non hai risposto alla domanda e significa che non vuoi rispondere, anche perché e' di natura giuridica.

Pazienza

34
LPD - PMR - SRD / Re:RETE RADIO MONTANA
« il: 21 Maggio 2021, 19:37:23 »
Va beh dai, è che non sai cosa rispondere e la butti in vacca.
Antani a destra...


35
LPD - PMR - SRD / Re:RETE RADIO MONTANA
« il: 21 Maggio 2021, 19:22:30 »
Ovviamente di fronte ad una richiesta di aiuto ci si deve attivare con ogni mezzo previsto dalla legge e contattare gli organismi preposti.

L'uso del pmr è regolato dal D.Lgs.vo 1 agosto 2003, n.259 s.m.i. codice delle comunicazioni elettroniche (ora aggiornato) che riporta come di libero uso gli apparecchi cosiddetti di bassa potenza ai quali vengono assegnati 8 canali.

Vista la facilità con cui vengono date patenti di "moralità" l'unico modo che abbiamo di capire come muoverci è rifarsi appunto a quelle normative.

Sicuramente mi è sfuggito ed è colpa mia, ma in questa giungla normativa non ho trovato alcun paragrafo sull'assegnazione privilegiata di uno degli 8 canali https://www.mise.gov.it/images/stories/documenti/Libero_uso_ed_autorizzazioni_nelle_comunicazioni.pdf

Cortesemente o meno c'è quindi qualcuno che dice ad un altro di evitare di usare il canale 8-16 al di fuori di quello previsto dal regolamento di Rete Radio Montana?

36
LPD - PMR - SRD / Re:RETE RADIO MONTANA
« il: 21 Maggio 2021, 15:49:34 »
Scusami ma questa volta non ti seguo, uno che rispetta le normative è un maleducato? Gli si danno 8 canali, dei subtoni, una potenza ridicola di 0,5w toni e lui usa. Tra l'altro in zone tipo le tre cime si riempiono in 5 secondi. Radiomontana è un'iniziativa lodevole per lo scopo che si prefigge ma come lei potrebbero crearsene tante altre, altrettanto lodevoli che potrebbero occupare i restanti 7 canali.

A questo punto che si fa? Moral suasion a go go su tutti gli 8 canali+ subtoni?

Io sono favorevole al passaggio in vhf/dmr con frequenze assegnate ed esclusive proprio per questa ragione. Oggi critico l'atteggiamento paternalistico, da te ben evidenziato, che parla di "morale" quando è una iniziativa privata che utilizza frequenze di libero uso 446.

Anzi troverei molto più maleducato chi, con insistenza, mi chiedesse di allontanarmi dal canale 8 pmr comprimendo di fatto un diritto sancito dall'articolo 105 del Codice delle comunicazioni elettroniche. Faccio davvero fatica a capire come ci si possa sentire nel "giusto" intimando a qualcuno di abbandonare un canale a lui dedicato... boh.

37
LPD - PMR - SRD / Re:RETE RADIO MONTANA
« il: 21 Maggio 2021, 15:34:26 »
Se facessi l'avvocato del diavolo potrei obiettare che è nel giusto (anche moralmente) chi effettua un qso negli 8 canali messi a disposizione dal Mise seguendo le normative ITU. Non commette nessun reato se usa un apparecchio omologato ai fini indicati in quella normativa. A cosa ci si appella per definirli maleducati?

38
LPD - PMR - SRD / Re:RETE RADIO MONTANA
« il: 21 Maggio 2021, 15:22:31 »
Cosa che potrebbero benissimo non seguire nonostante tutte le insistenze (anche in buona fede) del gruppo RMM. E nessuno può dirgli nulla essendo, come sappiamo tutti, canali liberi.

39
LPD - PMR - SRD / Re:RETE RADIO MONTANA
« il: 21 Maggio 2021, 15:12:44 »
Se noi non sappiamo tutte le cose esponile senza fare troppa polemica inutile. Siamo in un forum di discussione e IZ1PNY ha espresso una sua opinione in modo pacato.

Sono contento di vedere l'evoluzione di queste iniziative atte alla sicurezza montana e se ci sarà da prendere un vhf a parte perchè no (soldi permettendo) anche perchè l'8-18 lo può occupare chiunque, anche per una chiaccherata sui rigori inventati per la juve (hi), quindi è una frequenza troppo prona alle interferenze e c'è poco da fare, a meno che il Mise non lo riservi ad uso esclusivo RMM ma la vedo dura.

40
L'altra sera facevo un po' di SWL e sui 433.300 ho sentito un qso ma di ponti attivi su questa frequenza non ce ne sono da queste parti (milano) quindi ho pensato a un parrot lpd, il segnale era bello forte e sembrava ripetere un ponte ecolink.

Non mi intendo molto di ripetitori, ma una roba così è legale?

41
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 14 Maggio 2021, 20:36:10 »
Scusami ma io continuo a non capire la critica, nel senso che se non apprezzi questo modo di comunicare tramite nickname ci sono posti come arifidenza dove è possibile sapere sempre con chi si sta parlando. Non voglio essere frainteso ma personalmente se non apprezzo qualcosa semplicemente non partecipo.

Anche nel merito io non condivido la tua valutazione sulla comunicazione informatica degli ultimi 30 anni, dietro a molti alias/nickname si celano validissime persone che comprendendo la destinazione d'uso del mezzo digitale e lo utilizzano per come è stato concepito, seguendo le regole degli admin.

Sono nate moltissime cose positive da questo modo di comunicare.

Detto questo mi scuso con l'autore del post per i miei ripetuti off-topic e la chiudo qui.

42
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 14 Maggio 2021, 18:03:30 »
Perdonami ma con quel "nascondersi" vuoi dire che per te dietro ad un nickname si cela per forza una persona che per chissà quale losco motivo vuole occultarsi? O che se ci metti la "faccia" quello che dici ha più valore?

Se uno vuole un forum con solo nominativi va su arifidenza (ad esempio) qui su Rogerk è consentito utilizzare quello che si vuol ed è così nel 99% dei forum al mondo fin dagli anni 90 quando internet non c'era e si usavano le BBS.

Io nei test che citi inserirei anche tanti altri parametri...

43
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 14 Maggio 2021, 12:22:21 »
Possono dire quello che vogliono ma l'unico modo per loro di verificare è scrivere al Mise. Poi se dovessero esagerare c'è sempre la querela. QRZ per me non esiste e mai esisterà per tutti i problemi che ho elencato sopra che non sono di poco conto.

Se il Mise avrà voglia di creare un elenco di soli Nominativi farà la gioia dei radioamatori che vedono "pirati" ovunque! (HI)

44
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 13 Maggio 2021, 21:33:40 »
Ecco facciamo l'esempio che domani TIZIO prenda la patente e decida di NON iscriversi su qrz, a quel punto interviene un radioamatore a cui TIZIO sta antipatico e gli crea un profilo come quello dell'Iracheno. con tanto di foto. Come potrebbe difendersi TIZIO?

1) Dovrebbe scrivere a qrz chiedendo di eliminare quella pagina diffamatoria, il sito chiederebbe a TIZIO la copia della sua patente radioham (ma lui non voleva dare questi dati ad un sito americano e si vede costretto a farlo). E già che c'è lo registra sul sito che ricordo non rispetta il gdpr.

2) Denuncia tutto al MISE che purtroppo non può intervenire extra UE.

Ecco dimostrato che un sito come qrz, nato con le migliori intenzioni, possa trasformarsi in una tappa obbligata anche per chi non abbia nessuna voglia di registrarsi visto che appartiene ad un PRIVATO e fuori dallo spazio comunitario, con tutto quello che ne consegue.

Io resto basito, davvero.

PS: L'iracheno che modo ha di difendersi? Nessuno!

Citazione
In Belgio c'è online un foglio Excel nel sito dell'ente pubblico preposto, con nomi, cognomi, indirizzi e classi di licenza di tutti.
Ma non c'era qualcosa di simile anche in italia che poi non venne più aggiornato. Ricordo male?

45
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 13 Maggio 2021, 15:04:54 »
Penso si riferisse al mio messaggio [emoji56] [emoji18]

46
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 13 Maggio 2021, 14:29:59 »
Ma io sono d'accordo con te, se il Mise deciderà di pubblicare una lista di nominativi ci si atterà a quella e stop.

Ho citato il regolamento esclusivamente perchè alcune volte è capitato che, non trovando l'operatore su qrz, questo si sia sentito fare la predica addirittura la portante e gli insulti da quelli che dicevano di conoscere il regolamento...

E' palese che uno "sceriffo" non consca il regolamento, altrimenti non farebbe lo "sceriffo"! E' solo arroganza e cattive abitudini.

Tornando in topic, se questo "pirata" non disturba, non portanta, non insulta e non rutta io semplicemente cambierei frequenza. Stop.

E' un "gioco", ci si deve divertire... [emoji6]

47
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 13 Maggio 2021, 14:13:01 »
@KZ: QRZ non è espressione di nessun regolamento ne internazionale ne nazionale inerente alle attività radioamatoriali. Non è presente in nessuna parte di qualsivoglia regolamento. Non è un Ente. E' un sito di un PRIVATO ed è Extra UE.

Scrivete al Mise ad un funzionario incaricato della vostra regione chiedendo se QRZ ha validità di elenco esplicito e registrato di Elenco dei radioamatori e se rappresenta una qualsivoglia figura giuridica all'interno del regolamento ITU. Se per cortesia vi fate firmare questa dichiarazione in modo da poterla usare come documento ufficiale ve ne sarei grato.

Fino a che non si esprimerà il mise, e son sicuro che vi risponderà picche, vale quanto segue:

Sezione II Norme tecniche.
Art. 12 Norme d'esercizio
1.  L'esercizio  della  stazione  di  radioamatore  deve  essere  svolto  in conformità  delle  norme  legislative  e  regolamentari  vigenti  e  con l'osservanza delle prescrizioni contenute nel Regolamento internazionale delle radiocomunicazioni

6. All'inizio  ed  alla  fine  delle  trasmissioni,  nonché  ad  intervalli di dieci minuti nel corso di esse, deve essere ripetuto il nominativo della stazione emittente. In caso di trasmissioni numeriche a pacchetto, il nominativo della stazione emittente deve essere contenuto in ogni pacchetto.

3.  Le  radiocomunicazioni  devono  effettuarsi  con  altre  stazioni  di radioamatore italiane od estere debitamente autorizzate, a meno che le competenti Amministrazioni estere abbiano notificato la loro opposizione.
Art. 14 Controllo sulle stazioni 1.
I locali e gli impianti delle stazioni di radioamatore devono essere in ogni momento ispezionabili dai funzionari incaricati del Ministero o dagli ufficiali ed agenti di pubblica sicurezza.

Questo è il regolamento a cui dobbiamo sottostare noi radioamatori, non indica da nessuna parte che la stazione emittente debba verificare il nominativo su qrz della stazione ricevente

@IZ1FUM: il disturbatore aerofagico non se ne va e rimane a rompere le balle anche se ti metti a portantarlo, minacciarlo e tutto il resto. QUando te ne capita uno nel qso fai prima a cambiare frequenza.

48
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 13 Maggio 2021, 13:47:58 »
Eh no però aspetta: le azioni degli sceriffi derivano dalla non conoscenza del regolamento internazionale delle radiocomunicazioni che andrebbe almeno letto per dare l'esame, dalla mancanza di qualsivoglia etica e tanta voglia di fare i gradassi. Qrz non è delegata da nessun ente governativo di nessun paese a far da garante. Non colma nessun vuoto, non è titolata per farlo. Il problema è invece che molti appena prendono un titolo o una patente si sentono padroni del mondo.

Come se l'automobilista patentato si mettesse a chiedere i documenti a tutti quelli che incontra in autogrill (devo verificare che lei abbia la patente altrimenti non può circolare) o che facesse a botte con tutti quelli che non rispettano le regole della strada, è ridicolo.

Comunque dai, visto il costante declino di radioamatori e l'età media elevata direi che il problema si autorisolverà da solo prima che debba intervenire il MISE (HI) [emoji23]

49
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 13 Maggio 2021, 13:03:08 »
Se il Mise ha deciso di NON farlo ci sarà un valido motivo che a noi sfugge, ho cercato di spiegare come la vedo io ma se dovesse fare questa scelta, la accetterei e stop.

La discussione però verteva sulla cattiva abitudine di qualcuno di ergesi a sceriffo e insistere con qrz, ovviamente non conosce nulla del regolamento ITU e rischia pure di pagare tanti "dindi" come diceva giustamente qualcuno. Tutto qui.

50
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 13 Maggio 2021, 12:42:16 »
KZ io prima di diventare radioamatore non mi sarei mai immaginato che potesse esistere qualcuno con 10 mila euro di apparati che passasse il tempo a fare rutti, scoregge, portantate, urla, minacce etc nei qso. C'è sempre chi riesce a stupirti in negativo! La fantasia di certe persone è illimitata.

Se non sbaglio Pieschy raccontava di un tizio che sul DRM si è sostituito a lui... ecco, anche solo per questo non lo pubblicherei, considerando che il sito del MISE può essere visto non solo in italia ma in tutto il mondo.

51
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 13 Maggio 2021, 12:29:15 »
Gente che non esiste più ancora presente sul database... è proprio attendibile! [emoji6]

Io resto contrario e aspettando eventuali decisioni del MISE ribadisco che qrz non vale come prova e che nessuno può darti del pirata se non sei iscritto. Se lo fa non solo non ha capito nulla del radiantismo ma rischia pure una bella querela.

52
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 13 Maggio 2021, 12:17:58 »
Ci sono un sacco di profili mai aggioranti su qrz: vetrina per radioamatori gestita da privati americani su server extra UE.

53
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 13 Maggio 2021, 12:13:27 »
C'è una bella differenza tra i dati del MISE che sono ufficiali, aggiornati e certificati e quelli di un sito privato dove la gente può scrivere quello che gli pare e i controlli sono laschi se non inesistenti.
Se io fossi un malintenzionato non avrei dubbi su quale dei due elenchi consultare!

...e grazie a dio non c'è questa possibilità! Chi vuole iscriveresi a qrz mettendo anche il numero delle scarpe e quanti capelli ha in testa lo faccia ma la smetta di pretenderne l'obligatorietà.

54
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 13 Maggio 2021, 07:38:37 »
Ma quindi non parliamo di un disturbatore che fa rutti e versi interrompendo normali qso, ma di una persona che si annuncia con un nominativo di fantasia e che cerca di intrattenere conversazioni "normali"? 

Ma se vi da noia cambiate canale, non parlate con lui.

Poi la cosa comica è che sti sceriffi [emoji61] si sentono nel giusto facendo azioni violente, ma dove hanno studiato per la patente? Portantare, insultare, minacciare è contro ogni logica ed etica del radiantismo! [emoji18]

Divertiamoci e basta, se deve diventare una "guerra" che cavolo stiamo a fare on-line? boh...

55
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 12 Maggio 2021, 17:41:52 »
EH no Pieschy la frasettina del "se non ho nulla da nascondere.." spero e credo tu non sappia chi la pronunciava e com'è andata a finire, ed è un controsenso totale che cozza con i più basilari principi di privacy (che derivano dai diritti dell'uomo) e riservatezza questi si riconosciuti dalla legge. Tanto da far muovere il legislatore europeo che ha istituito una normativa robusta e complessa come il GDPR.

Se vuoi farlo di tua spontanea volontà fallo, quello che rischi è giusto saperlo ma dal 2018 è attiva su tutto il territorio europeo una legge che tutela l'uso di questi dati personali.

Giusto per capirci:

https://www.linkiesta.it/2018/05/meno-privacy-piu-sicurezza-falso-anzi-e-vero-il-contrario/

https://www.laleggepertutti.it/418267_diritto-alla-privacy-cose

https://www.assiteca.it/2019/08/privacy-cose-il-diritto-alla-privacy-e-perche-e-bene-tutelarlo/

https://unipd-centrodirittiumani.it/it/schede/Articolo-12-Diritto-alla-privacy/16

Siamo nel 2021 e non nel 1940.

E' una questione di educazione alla privacy e di mondo che cambia, addirittura Apple si sta muovendo in questa direzione azienda che avrebbe tutti gli interessi per profilarci a rotta di collo. Che piaccia o meno, la direzione è questa e si chiama privacy anche per figure professionali o amatoriali.

L'attività radioamatoriale nacque prima dell'avvento di internet e non prevedeva certo l'incrocio smisurato di dati, la permanenza eterna dei log su hard disk/cloud di mezzo mondo e il log di stazione rimanevano in casa o al più andavano alle associazioni tipo ARRL etc ma non venivano rese disponibili h24 in tutto il mondo per sempre.

Esiste anche un discorso di diritto all'oblio, ma qui apriremmo una discussione infinita.

56
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 12 Maggio 2021, 17:32:19 »
Perdonami, non trovo nel regolamento internazionale delle radiocomunicazioni la parte dove venga indicata come obbligatoria la pubblicazione di indirizzo di stazione, nome e cognome del titolare e relativo nominativo. Se tu sai dove trovarlo faresti la cortesia di girarci il link? Te ne sarei grato.

Penso piuttosto che questo elenco non esisterà mai perchè valgono le stesse regole di qualsiasi attività comprendente dati personali sottoposti al gdpr. Salvo eccezioni.

57
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 12 Maggio 2021, 10:34:57 »
L'elenco dovrebbe già essere in possesso del Mise, renderlo pubblico comporterebbe sicuramente altri aspetti che al momento ignoro. Il Dpo esiste già, certamente e dovrebbe estendere la sua responabilità su un elenco pubblico.

Più che l'esempio delle targhe farei il parallelo con la carta di identità, alcuni "pirati" non si farebbero scrupoli a sostituirsi a persone (art. 494 Codice Penale) e (Articolo 215 Uso di nominativi falsi o alterati Codice delle comunicazioni elettroniche.) quindi fornirgli un elenco fresco gli faciliterebbe solamente il compito. Poi certo che si prenderebbero provvedimenti ma ripeto, finire impelagati in un processo perchè qualcuno ha fatto danni sostituendosi a voi è pesante.

Non essere su qrz non comporta nulla, non ha valenza giuridica e penso anche ai radioamatori che non hanno piacere a finire su server extraeuropei senza alcuna possibilità di controllo della propria privacy. Se fosse un programma unico, mondiale che applichi il gdpr europeo perchè no! Ma dovrebbero muoversi la CE.

Quello che non ho approfondito è se i log di stazione debbano o meno rimanere in stazione e se si mi chiedo perchè vengano pubblicati anche tramite questi software che ramazzano nei vari elenchi sparsi per il mondo su server extra UE.

Citazione
Quando invece il mio corrispondente non è presente sul web chiedo prima di tutto se ho capito bene il nominativo e se ha piacere mi faccio dettare le informazioni principali (almeno NOME DI BATTESIMO, LOCATORE e LOCALITÀ).

Domanda: e dove finiscono queste informazioni? Su quali server? Chi li gestisce? Il GDPR è nato per questo e siamo fortunati ad essere in europa! [emoji2]

Scusatemi se sono andato fuori tema. [emoji29]

58
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 12 Maggio 2021, 10:04:23 »
Sei stato chiarissimo IZ1PNY
Aggiungo che ci può essere diffamazione quando si viene insultati in pubblico, come aimè a volte accade in radio quando non trovano il tuo nominativo e ti prendono a male parole.

A questo punto non conviene a tutti darsi una calmata e abbandonare il qso? Secondo me si.

59
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 12 Maggio 2021, 09:46:03 »
Può essere come dici kz, io penso che non lo sia per diverse ragioni:

1) Al Mise dovrebbero nominare un DPO e creare questa figura che si occupi di gestire il tutto e le cose da gestire sono molte.
2) Un elenco va tenuto aggiornato e quindi ci vuole qualcuno che se ne occupi, la pubblica amministrazione è già oberata di responsabilità e difficilmente ne vorrebbe di nuove, farebbe muro.
3) Esisteva un elenco anni fa, poi smisero di aggiornarlo credo per problemi di privacy.

E' vero, per i radioamatori sarebbe un toccasana senza ombra di dubbio ma secondo voi servirebbe a scacciare i "pirati" o i disturbatori? Secondo me no, anzi gli serviresti su un piatto d'argento nominativi reali con cui perseguire le loro attività vietate facendo finire nei guai il malcapitato a cui è stato sottratto il nominativo.

Non lo so kz, personalmente non la vedo come una soluzione al problema.

60
attività radioamatoriale / Re:Il fantomatico I2OED
« il: 12 Maggio 2021, 08:58:53 »
Citazione
Affinchè si possa operare correttamente ci vorrebbe un database ufficiale del MISE che pubblichi i nominativi validi e rilasciati.


Con l'attuale regolamentazione europea GDPR la vedo molto dura.

Citazione
Dico la mia ovviamente faccio sempre l'avvocato del diavolo.


Non c'è modo aimè per il radioamatore di sapere se l'iterlocutore sia o meno un collega, inutile citare qrz perchè non vale niente. Gli "sceriffi" rischiano tanto quanto il pirata anzi forse di più! Se beccano il radiamatore che si sente diffamato i guai sono dietro l'angolo e finire impantanati in una causa legale non lo auguro nemmeno al mio peggior nemico.

Se si ha il sospetto di parlare con un "pirata", abbandonare il qso è l'unica cosa pragmatica e intelligente da fare, se si agisse così il 99% dei problemi sarebbero risolti.

Pagine: [1] 2 ... 6