Elettronica e Radiotecnica > Elettronica & Radiotecnica

Chiarimenti libro Nerio Neri Radiotecnica

<< < (2/2)

Geremia:
Facciamo un esempio pratico : la batteria della tua auto. Se misuri la tensione ai suoi capi a vettura spenta leggerai una tensione, ad esempio, di 13v. Questa e' la f.e.m. in quanto non erogando corrente coincide con la tensione ai morsetti. Quando pero' accendi la tua auto, in questa fase, in cui richiedi corrente, la tensione ai morsetti cala raggiungendo anche i 9/10V.  Questa caduta e' dipendente dalla resistenza interna della batteria. Questa resistenza dipende dallo stato delle placche delle celle di ogni elemento che compone nel suo insieme la batteria. Quando la batteria si dice "scarica" e' perche' queste placche di piombo si sono ricoperte di solfato di piombo: quest’ultimo finirà con ricoprire l’elettrodo negativo con una patina bianca. Questo fenomeno, detto di solfatazione, a lungo andare può renderle inutilizzabili aumentando la resistenza interna. La f.e.m. rimane immutata, ma la resistenza interna e' cosi' aumentata che non appena richiedi corrente, buona parte della d.d.p. se la "mangia" lei e cosi' ai terminali la tensione misurata e' insufficiente. Ogni generatore ha una sua f.e.m. e una sua resistenza interna. Un generatore RF ha in genere una resistenza interna tipica di 50/75 OHm.
La max erogazione di potenza erogata al carico da un generatore si ha quando il carico e' uguale alla sua resistenza interna e pertanto corrisponde alla meta' della potenza erogabile dal generatore.

It9nsm:
Scusa Geremia, ho trovato molto chiare ed esplicativo il tuo post. Potresti spegarmi meglio l’ultima parte, quella relativa alla max potenza erogata?
Grazie, Nino


Inviato dal mio iPhone utilizzando RogerKApp

Geremia:
Te lo spiego con il classico esempio che si trova su tutti i libri di elettrotecnica.

It9nsm:
Grazie. Nonostante la mia ignoranza in matematica sono riuscito ad intuire qualcosa


Inviato dal mio iPhone utilizzando RogerKApp

Geremia:
Questo vale nei circuiti in corrente continua.
In pratica finchè RL risulta minore di Rs la funzione potenza sul carico è crescente, raggiunge il massimo per RL = Rs e poi con RL maggiore di Rs decresce. Ciò conferma che il massimo trasferimento di potenza si verifica quando RL = Rs ottenendo l'adattamento del carico.
Se si passa a circuiti con reattanza, il max trasferimento di potenza, ti risparmio i calcoli, si ha per
RL=Rs
XL=-Xs
in pratica la ZL e' la complessa coniugata della Zs.
Nel caso specifico in cui Zs=Rs, allora il max trasferimento di potenza su ZL si ha quando si riesce ad azzerare la XL e contemporaneamente a portare la RL uguale a Rs. E questo e' il caso delle nostre antenne che necessitano di tale adattamento.

Navigazione

[0] Indice dei post

[*] Pagina precedente

Vai alla versione completa